Elezioni, i candidati eletti a Salerno tra riconferme ed esclusi eccellenti
salerno comune54
Fonti Foto
Salerno. Plebiscito in città per Vincenzo Napoli che raggiunge quota 53.218 voti con il 70.49% dei consensi, forse inaspettato. Dietro di lui Celano con il 9,59%, Santoro con il 6,19%, Cammarota con il 4,02% e Lambiase con il 3,80%. Debacle per l'ex presidente della provincia Antonio Iannone, fermo all'1,54%. Seppur l'uso del condizionale sia d'obbligo, di seguito tracciamo il profilo del nuovo Consiglio Comunale di Salerno, tra tante riconferme, qualche volto nuovo ed esclusi eccellenti. Per la maggioranza Giovanni Savastano, assessore uscente alle politiche sociali, fa il pieno nella lista Progressisti per Salerno con 2.371 preferenze personali. Al secondo posto l'assessore uscente alla Pubblica Istruzione Eva Avossa, con oltre 1.500 consensi, poi Domenico Ventura con 1.243 preferenze. Quarto l'assessore uscente all'Urbanistica Domenica De Maio (1.223), seguito da quello alla Cultura Ermanno Guerra (1.137 voti) e dal figlio d'arte Antonio Fiore (1.091), in volata con la consigliere uscente Rosa Scannapieco (933). Infine, entra in Consiglio la new entry Lucia Mazzotti con 874 preferenze. Salerno per i Giovani vede primo il capogruppo Angelo Caramanno con 1.335 preferenze, poi i consiglieri uscenti Horace Di Carlo (1.142 voti) e Domenico Mazzeo (1.035), quest'ultimo di poco sopra alla new entry Donato Pessolano (1.033). Paola De Roberto chiude il quintetto di lista con 878 preferenze. Ottimo risultato anche per Campania Libera. Il presidente uscente del consiglio comunale, Antonio D'Alessio, con 1.682 voti si fa superare dal vice Alessandro Ferrara (1.806). Alle spalle i consiglieri uscenti Paky Memoli con 1.625 voti, Felice Santoro (1.308) e Corrado Naddeo (1.003). Per il Psi il consigliere uscente Dario Loffredo raccoglie 1.425 voti, seguito con un netto distacco dalle new entry Massimiliano Natella (596 voti) e Paolo Ottobrino (377). Per Davvero Verdi, invece, Antonio Carbonaro (575) e Giuseppe Ventura (541) entrano in Consiglio, mentre per i Moderati per Salerno l'ex FdI Pietro Stasi (801) e Leonardo Gallo (739) ottengono l'ambito traguardo. Per l'opposizione, il consigliere uscente di Forza Italia Giuseppe Zitarosa raccoglie 911 preferenze. Nella lista civica Attiva Salerno Ciro Russomando batte tutti con 700 voti. Eletti consiglieri comunali i candidati a sindaco Roberto Celano, capogruppo uscente di Fdi, Dante Santoro, il capogruppo di Fli Antonio Cammarota e Giovanni Lambiase. Tra gli esclusi eccellenti, oltre a tanti consiglieri uscenti come il candidato a sindaco del Popolo della Famiglia, Raffaele Adinolfi, si segnalano l'assessore uscente alle Politiche Ambientali Gerardo Calabrese (239 voti). Infine, non ce la fa ad entrare in Consiglio Comunale l'ex presidente della Provincia Antonio Iannone.
Maggioranza
Progressisti per Salerno - 9 seggi
1) Savastano Giovanni
2) Avossa Eva
3) Ventura Domenico
4) De Maio Domenico
5) Sorrentino Luca
6) Guerra Ermanno
7) Fiore Antonio
8) Scannapieco Rosa
9) Mazzotti Lucia
 
Campania libera - 5 seggi
10) Ferrara Alessandro
11) D'Alessio Antonio
12) Memoli Paky
13) Santoro Felice
14) Naddeo Corrado
 
Salerno per i giovani - 5 seggi
15) Caramanno Angelo
16) Di Carlo Horace
17) Mazzeo Nico
18) Pessolano Donato
19) De Roberto Paola
 
Psi - 3 seggi
20) Loffredo Dario
21) Natella Massimiliano
22) Ottobrino Paolo
 
Davvero verdi 2 seggi
23) Carbonaro Antonio
24) Ventura Peppe
 
Moderati per Salerno 2 seggi
25) Stasi Pietro Damiano
26) Gallo Leonardo
Opposizione
27) Celano Roberto (candidato sindaco)
Forza Italia - 1 seggio
28) Zitarosa Giuseppe
Attiva Salerno - 1 seggio
29) Russomando Ciro
30) Cammarota Antonio (candidato sindaco)
31) Santoro Dante (candidato sindaco)
32) Lambiase Giovanni (candidato sindaco)
 
   
Articolo contenuto in
  Politica  
SU SPECIALE ELEZIONI POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE