Cava de' Tirreni, al pub Il Moro il Fabrizio Bosso quartet
bossofabrizioquartet55
Fonti Foto
Cava de' Tirreni. Un concerto dalle atmosfere e dalle sonorità natalizie. Il trombettista torinese Fabrizio Bosso in tour fa tappa venerdì 8 dicembre alle ore 22 al Jazz Club Il Moro di Cava de' Tirreni per presentare il suo ultimo album, fresco di uscita, per Warner Music dal titolo "Merry Christmas Baby". Un disco fatto per il semplice piacere di farlo, come ha dichiarato Bosso, per condividere ancora una volta la musica e il palco con Julian Oliver Mazzariello al pianoforte, Jacopo Ferrazza al contrabbasso e Nicola Angelucci alla batteria, veri amici, oltre che musicisti straordinari. Sul palco del locale del Borgo Scacciaventi oltre al leader, e ai fedeli membri del gruppo per l'appuntamento della rassegna MoroInJazz che si avvale della direzione artistica di Gaetano Lambiase, ci sarà come special guest il cantante Walter Ricci, giovane artista partenopeo che arricchirà con la sua voce e il suo talento la serata di musica live. Undici brani che conducono alla riscoperta dell'immaginario natalizio e non solo, tra Have Yourself a Merry Little Christmas, Let it Snow, ma anche Winter Wonderland e Frosty the Snowman, e tante le altre canzoni caratterizzate dalla sonorità magica del Quartetto. Ad impreziosire "Merry Christmas Baby", le voci del giovane cantante Walter Ricci che, grazie al suo swing e alle improvvisazioni, diventa un vero e proprio "quinto elemento" (Frosty the SnowMan, Grown up the Christmas List, Jingle Bells Rock, What are you doing New Year's Eve) e di Karima, che regala un cameo con The Christmas Song. Bosso si è diplomato al conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino e ha completato i suoi studi al "St. Mary's" College di Washington negli Stati Uniti. Una carriera in continua e inarrestabile ascesa quella di Fabrizio Bosso, ha infatti collaborato con i migliori jazzisti italiani (Stefano Di Battista, Paolo Fresu, Flavio Boltro) e stranieri ma ormai siamo abituati ad ascoltarlo soprattutto in veste di leader: dai suoi sestetti (celebre il Latin Mood), quintetti e quartetti sino a formazioni più piccole e fortemente caratterizzate nei programmi musicali (come lo Spiritual Trio). Frequenti sono poi i suoi accostamenti ad altri musicisti di grande caratura non solo jazz: Sergio Cammariere, Raphael Gualazzi, Mario Biondi, Nina Zilli, Nicola Conte.
 
   
Articolo contenuto in
  Cultura  
SU SPETTACOLI E CONCERTI POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE