Spettacoli, nella Sala Pasolini va in scena "Dopo la quarta parete c'è whatsapp"
sipario29
Fonti Foto
Salerno. Gli smartphone: un'estensione naturale, ormai, del nostro corpo. Restano accesi nei luoghi più impensabili, travalicando il buon senso. E scavalcando anche quel muro immaginario che ci divide dalla scena. Antonello De Rosa prova, ancora una volta, a mandare in frantumi la quarta parete, annullando le distanze laddove è necessario e lo fa nell'ambito della sezione Perfoming Art della nuova edizione del Festival Linea d'Ombra. Giovedì 7 dicembre alle ore 21.30, nella Sala Pasolini a Salerno, va in scena "Dopo la quarta parete c'è whatsapp", performance che sbeffeggia il nostro monitoraggio costante dei cellulari in sala e non si limita solo a questo bensì tira in ballo gli spettatori con tutti i telefoni. In scena, tre compagnie e altrettanti gruppi di invitati ognuno dei quali è chiamato a interagire con il regista e gli attori in scena mediante i messaggi istantanei su whatsapp; e bandita è l'illuminazione in sala e sul palco. É compito degli smartphone illuminare la sala: scelta minimalista ed economa. Le tre compagnie scelte da De Rosa, curatore della sezione teatrale del Festival, sono: Il Grimaldello di Antonio Grimaldi, Laav di Antonella Valitutti e Licia Amarante e la compagnia Live di Alessandro Tedesco. Più che uno spettacolo, un esperimento estemporaneo, come nello stile del regista salernitano. Una trovata decisamente geniale per questa messinscena che rientra nel contest il cui vincitore è individuato dalla regia in sala. De Rosa ha dichiarato: "Questi maledetti telefoni sono difficili da allontanare, è come lottare contro i mulini a vento e allora non ci resta che renderli parte integrante dello spettacolo. Sul palco, sale un gruppo alla volta; ogni compagnia ha 20 minuti a disposizione. Le compagnie, tutte salernitane, guidano fino all'ultimo giorno utile i loro invitati, resi parte attiva e partecipe dello spettacolo". Ma c'è un tratto comune a tutti ed è la presenza, forzata, all'interno di ogni rappresentazione della figura iconografica del racconto: il lupo. "Whatsapp ci ha tolto la forza del racconto nella nostra vita e allora ho voluto reinserirla, simbolicamente, per un teatro che abbia la forza di riappropriarsi della parola" - ha concluso Antonello De Rosa. Scena Teatro è un'associazione culturale fondata e diretta da De Rosa, attiva con i suoi progetti dal 2006; si propone come una organizzazione autonoma e multidisciplinare per la progettazione culturale nel territorio salernitano e nazionale, con particolare riferimento alle attività teatrale come motore di sviluppo territoriale. Nei diversi anni di attività è stata portata avanti in Campania, ma soprattutto in ambito nazionale, una diffusione piuttosto capillare del teatro di ricerca, con numerosi riconoscimenti, divenendo per numerosi giovani un importante riferimento non solo formativo ma soprattutto aggregativo. Il gruppo, costituito quasi interamente da un nucleo stabile di attori, sviluppa un lavoro di ricerca destinato a una decodificazione dei vari linguaggi scenici.
 
   
Articolo contenuto in
  Cultura  
SU SPETTACOLI E CONCERTI POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE