Convegni, a Salerno fari puntati sulla legge di stabilità per i commercialisti
cameracommercio68
Fonti Foto
Salerno. Le opportunità e i rischi per i professionisti al servizio delle società pubbliche e private, alla luce anche della recente riforma della disciplina fallimentare, saranno i punti nodali al centro del Convegno "Le responsabilità civili e penali dell'organo amministrativo e del collegio sindacale nelle forme di società private e pubbliche" promosso dall'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (ODCEC) di Salerno. L'appuntamento, in programma domani, giovedì 8 febbraio, a partire dalle ore 15 presso il Salone del Genovesi della Camera di Commercio in Via Roma a Salerno, rientra nel nutrito programma di eventi, di alto contenuto qualitativo, realizzato dall'ODCEC di Salerno per la Formazione Professionale Continua dei propri iscritti, con particolare attenzione all'approfondimento sulle sempre più ricorrenti novità apportate dal legislatore in tema di fisco e diritto societario. "La legge delega per la riforma delle discipline della crisi d'impresa ha ridotto le soglie previste per la nomina obbligatoria dell'organo di controllo o di revisione nelle Srl, estendendo in misura significativa la platea dei soggetti interessati" - ha spiegato il Presidente dell'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Salerno, Salvatore Giordano. "Si è fatto un gran parlare delle opportunità che si sono aperte per i commercialisti con l'estensione dell'obbligo dell'organo di controllo anche alle Srl di minori dimensioni. Il legislatore - ha proseguito il Presidente - se da un lato ha ampliato la platea dei soggetti che saranno obbligati al controllo, non ha però previsto alcuna tutela per i "controllanti", anzi ha imposto agli stessi l'attivazione di procedure di pre-crisi che renderanno ancora più gravoso il lavoro del controllore. La perplessità va ricercata nell'assenza di una disposizione che preveda un equo compenso al professionista per l'attribuzione di compiti gravosi e per le responsabilità che non tengono conto del compenso degli stessi. L'approvazione dell'equo compenso - ha conclusi Giordano - diventa pertanto fondamentale per il riconoscimento del ruolo svolto dai dottori commercialisti e per il rispetto dovuto al loro lavoro: non deve essere visto come un freno alla concorrenza ma anzi come uno strumento utile a garantire una maggiore qualità delle prestazioni". Ad aprire i lavori i saluti del Presidente della Camera di Commercio di Salerno Andrea Prete, del Procuratore capo della Repubblica Italiana presso il Tribunale di Salerno Corrado Lembo, del Consigliere Segretario del Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Achille Coppola e del Presidente dell'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Salerno Salvatore Giordano. Ricco il parterre degli interventi previsti: il Consigliere C.N.D.C.E.C. delegato alla Revisione legale Raffaele Marcello, il Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Salerno Francesco Rotondo, il Presidente ODCEC di Bergamo Simona BonomellI, il Docente della Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali dell'Università di Salerno Saverio Sapia, l'avvocato Giovanni Noschese. Modera Nicola Fiore, Presidente Commissione Diritto Penale dell'Economia ODCEC Salerno.
 
   
Articolo contenuto in
  Cultura  
SU EVENTI E RASSEGNE POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE