Turismo, boom di presenze negli hotel e nei musei di Salerno
duomodisalerno60
Fonti Foto
Salerno. Si è da poco concluso un week end da record per Salerno e per alcuni dei suoi principali attrattori. Complice anche la concomitanza di eventi di grande richiamo, come la Fiera del Crocifisso Ritrovato, Vinarte e il grande avvio della stagione lirica del Teatro Verdi con la Carmen di Bizet, il lungo ponte del 1° maggio (così come il precedente del 25 aprile ed in generale i fine settimana del mese di aprile) ha fatto registrare un elevatissimo tasso di visitatori in città, sia nelle strutture ricettive che in diversi siti storico-artistici. Una menzione particolare merita il Giardino della Minerva, che nel solo giorno di lunedì 1° maggio ha registrato 560 visitatori; il numero complessivo sale a 2030 se si considera l'intero periodo dal 25 aprile al 1° maggio e a 4.635 per l'intero mese di aprile. Sono oltre 10.000 le presenze in quattro mesi nel luogo simbolo della Scuola Medica Salernitana, con una proiezione della cifra record di oltre 30.000 su scala annuale. Numeri importanti anche per il Complesso di San Pietro a Corte, che nei giorni di apertura ha ampiamente superato i 1000 visitatori; oltre 1000 persone hanno visitato, sempre nel mese di aprile, il Museo Archeologico Provinciale. Tantissimi, infine, i turisti nella Cattedrale, affascinati in particolare dalla meravigliosa cripta. E i dati relativi all'occupazione degli alberghi (sold out in alcune delle principali strutture ricettive) e dei bed&breakfast (in media 80-90% nei due ponti) danno una conferma ulteriore della notevole capacità di attrazione di Salerno come destinazione turistica nel periodo primaverile. Così come significativo è il dato dei 7.400 turisti che nel lungo ponte della Festa della Liberazione hanno usufruito di traghetti per raggiungere da Salerno le principali località della Costiera Amalfitana.
Author: Francesca Salvato

 
   
Articolo contenuto in
  Cronaca  
SU SALERNO CITTA' POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE